TAGS CLOUD
Incrementa dimensioniDecrementa dimensioni
Usa il Wiimote per lavorare e giocare al computer
La guida per trasformare il controller della console Nintendo Wii in un pratico mouse per controllare il PC o in un sofisticato joystick compatibile per giocare
(pagina 1 di 2)
La nota azienda produttrice di videogiochi e console Nintendo, con la sua ultima creazione, la piattaforma di gioco Nintendo Wii (www.nintendo. it), ha letteralmente rivoluzionato il modo di giocare, soprattutto grazie ai suoi particolari controller (joystick), i cosiddetti Wiimote, che permettono di trasformare i movimenti del corpo (braccia e mani), in azioni all’interno dei giochi. In realtà, questi dispositivi, strutturalmente sono abbastanza semplici: sono composti da tre accelerometri, un’ interfaccia Bluetooth e una IrDa (infrarossi). Il loro funzionamento di base è altrettanto semplice. I dati di spostamento del braccio, accelerazione e inclinazione vengono inviati alla consolle via Bluetooth e le coordinate (X e Y), calcolate dai LED a infrarossi posti sul Wiimote. Inoltre, una barra orizzontale che emette il segnale a infrarossi è posta sopra (o sotto) alla TV. Ovviamente, con qualche trucco e gli strumenti adatti è possibile trasformare un Wiimote in una periferica di puntamento per PC simile al mouse. In particolare, vedremo come far funzionare il Wiimote e il Nunchuck su una distribuzione GNU/Linux per poter giocare con i videogiochi oppure, semplicemente, “inventare” un modo alternativo per usare il mouse.

La barra a infrarossi costruita in casa. Forse un po’ rustica, ma perfettamente funzionante e adatta ai nostri scopi


L’hardware necessario
Per prima cosa occorre un computer provvisto di Bluetooth (integrato o su chiavetta USB non fa differenza) e una barra provvista di trasmettitori a infrarossi alimentata tramite porta USB. È possibile acquistarne una per pochi euro in un qualsiasi centro commerciale, oppure costruirne una. Farlo è relativamente semplice: basta collegare quattro LED trasmettitori a infrarossi in serie e collegare il filo rosso al polo positivo del primo LED e il filo nero a quello negativo dell’ultimo LED. Per provarne il funzionamento basta alimentare con 5 Volt la barra e puntarci contro la fotocamera del cellulare. Dovrebbero apparire i LED della barra illuminati sullo schermo del telefonino, cosa impossibile da vedere a occhio nudo. Nel nostro caso per l’alimentazione colleghiamo i cavi ad un cavo USB.
Gli strumenti giusti
Grazie al lavoro di reverse engineering svolto sul Wiimote, la comunità di sviluppatori Open Source è riuscita a sviluppare alcuni software per la gestione di questo controller su GNU/Linux. Tra gli altri troviamo: CWiid (www.wiili.org/index.php/CWiid), WMD (www.wiili.org/index.php/WMD) e libwiimote (http://libwiimote. sourceforge.net). Innanzitutto, bisogna far riconoscere il Wiimote al PC tramite Bluetooth. Attiviamolo sul computer e, contemporaneamente premiamo i tasti uno e due. A questo punto, dalla shell eseguiamo il comando hcitool scan. Il risultato dovrebbe essere quello seguente:
Scanning ...
00:19:FD:EE:44:B9 Nintendo RVL-CNT-01

La sequenza di numeri è l’indirizzo hardware univoco (MAC address) del dispositivo Bluetooth del Wiimote, mentre la sigla accanto è il modello. A questo punto, dobbiamo installare il software necessario iniziando dalla libreria Libwiimote. Se volete installare l’ultima versione la procedura è quella seguente:
wget ”http://downloads.sourceforge.net/
libwiimote /libwiimote-0.4.tgz?modtime=
1173542681&big_mirror=0”
tar xvf libwiimote-0.4.tgz
cd libwiimote-0.4
autoconf
./configure
Ovviamente, ci saranno alcune dipendenze da soddisfare, che vanno risolte man mano che si presentano. Infine, possiamo eseguire a per installare Libwiimote. A questo punto, passiamo al software di gestione CWiid:
wget “http://abstrakraft.org/cwiid/downloads/
cwiid-0.5.03.tgz”
tar -xvf cwiid-0.5.0.3.tgz
./configure
make && make install
ldconfig /usr/local/lib
Anche in questo caso potrebbero esserci dipendenze software da soddisfare, quindi tenete sempre pronto il package manager.

L’interfaccia grafica del programma CWiid. Semplice ma svolge perfettamente il proprio lavoro

L’nterfaccia del programma Wmcontrol


Il computer comunica con i controller nintendo
A questo punto, possiamo eseguire l’interfaccia di configurazione CWiid con il comando wmgui. Si tratta di un tool dotato di un’interfaccia molto semplice ma, nonostante questo, dispone di tutto il necessario per configurare e gestire il Wiimote in ogni suo aspetto. Per configurare il Wiimote come joystick, selezioniamo per prima cosa la voce di menu File/Connect e premiamo i tasti 1 e 2 del dispositivo contemporaneamente. Inoltre, premendo la combinazione di tasti Ctrl+A attiviamo i sensori di accelerazione. Allo stesso tempo, muovendo casualmente il joystick con la mano, ci accorgeremo che i parametri visibili nell’interfaccia cambieranno in tempo reale. Per attivare anche il Nunckuck premiamo la combinazione Ctrl+E. Infine, con Ctrl+I abilitiamo gli indispensabili sensori a infrarossi. A questo punto, muovendo le levette e premendo i tasti accenderemo i relativi pulsanti sul monitor del computer. Puntando il Wiimote verso il monitor e muovendolo come un telecomando vedremo dei puntini muoversi contemporaneamente e specularmente nella sezione a infrarossi. Questo significa che la comunicazione tra i dispositivi Nintendo e il PC funziona alla perfezione!
Adesso facciamolo diventare anche mouse
Dopo aver verificato che il Wiimote comunica con il PC, per prima cosa vediamo come è possibile farlo funzionare allo stesso modo di un “comunissimo” mouse. Per farlo utilizzeremo addirittura un software italiano. Il suo nome è Wmcontrol ed è scaricabile in formato .deb all’indirizzo http://digitex3d.altervista. org/_altervista_ht/wmcontrol-0.42.deb. Scaricato il pacchetto, possiamo installarlo con un doppio click (almeno gli utenti delle distribuzioni Debian GNU/Linux e derivate tipo Ubuntu) e attendiamo che il sistema risolva tutte le dipendenze. La voce per avviare il Wmcontrol apparirà sul menu Accessori/Wmcontrol. Il programma è molto semplice e dispone di un menu a tendina dal quale gestire la configurazione del Wiimote: Gamepad serve per usare il gamepad vecchio stile del Nintendo Wii, un accessorio venduto separatamente, comodo per giocare al PC; IR Input, per gestire solo i comandi via infrarossi; Input del Telecomando sposta il cursore quando muoviamo il Wiimotem, mentre i pulsanti A e B fanno rispettivamente da tasto sinistro e destro del mouse; Plugin per NeverBall serve esclusivamente per giocare al puzzle NeverBall; Input del Nunchuck funziona come Input del Telecomando ma con il Nunchuck. I pulsanti C e Z fanno da tasti destro e sinistro del mouse; Bottoni serve per l’utilizzo dei tasti. Abbiamo appena imparato a utilizzare il Wiimote e il Nunchuck come mouse su un PC con installata una generica distribuzione GNU/Linux. Buon divertimento!
Pagina 1/2
Lascia un commento
Tag: Wiimote, controller, console Nintendo Wii, mouse, pc, joystick
Condividi