Leggi anche

1. Il computer perfetto
TAGS CLOUD
Incrementa dimensioniDecrementa dimensioni
Brother DCP-150C
Stampante e scanner tutto in uno per acquisire le immagini, anche da digicam, chiavette USB, schede di memoria e trasferirle su carta con qualità fotografica
(pagina 1 di 2)
La stampante ideale per l’ambito domestico e piccoli ambienti professionali, la Brother DCP-150C stampa, copia e scannerizza ogni tipo di documento in pochissimi secondi. È economica e abbastanza compatta, nonostante si tratti di una multifunzione: ottima soluzione, quindi, per chi ha poco spazio sulla scrivania. Anche dal punto di vista estetico appare molto elegante e curata, quindi “installabile” in qualsiasi ambiente, anche quelli più ricercati. Inoltre, grazie al sistema PhotoCapture Centre permette di stampare foto digitali senza dover accendere il computer: è sufficiente inserire la memory card, una penna USB o collegare direttamente la digicam alla porta Pict- Bridge, dopodiché, tramite il display monocromatico è possibile controllare le funzioni di copia e impostare la qualità di stampa desiderata. Anche se c’è da dire che proprio il display è il punto debole della Brother DCP-150C: ne sarebbe bastato uno a colori anche se di piccole dimensioni, in grado di fornire più notizie e soprattutto più complete. In effetti, durante la prova abbiamo potuto constatare come possa essere difficile selezionare le foto da stampare. Da segnalare, infine, l’utilizzo di 4 cartucce di inchiostro separate per i diversi colori (nero, magenta, ciano e giallo) in modo da ottimizzare i consumi.

Tipo: stampante multifunzione • Cassetto carta: 100 pagine • Display: 1 linea di 16 caratteri • Interfaccia standard: Usb 2.0 • Risoluzione di stampa: 1.200 x 6.000 dpi • Tecnologia: Ink-jet (getto d’inchiostro) • Velocità di stampa: 27 ppm mono e 22 ppm a colori • Risoluzione scanner: 600 x 1.200 dpi • Dimensioni e peso: 398x360x150 mm - 7,1 Kg • Produttore: Brother • Sito web: www.brother.it


Compatibilità perfetta grazie ai driver ufficiali

Il programma di scansione Kooka ha riconosciuto lo scanner

Anche lo Scan key tool rileva correttamente lo scanner

A corredo della Brother DCP-150C troviamo il cavo per l’alimentazione e il CD di installazione (inutile per GNU/ Linux). Purtroppo, i driver per questo sistema operativo non sono presenti nel supporto, ma Brother li fornisce separatamente e, tra le altre cose, rende disponibili i sorgenti con licenza Open Source GNU GPL. Il sito di riferimento per ottenerli è http://solutions.brother. com/linux/en_us. A questo indirizzo è possibile scaricare sia quelli per gestire le funzioni di stampa con CUPS o LPR, sia per poter usare la DCP-150C come scanner. In particolare sono disponibili i pacchetti precompilati in formato RPM (Mandriva, Fedora, OpenSUSE) e DEB (Debian GNU/ Linux, Ubuntu, Kubuntu e tutte le derivate). Per quanto riguarda l'installazione della stampante (ricordiamo che in questo caso specifico abbiamo eseguito il test su una Kubuntu 7.10 che, come la maggior parte delle distribuzioni GNU/Linux, installa di default il server di stampa CUPS), consigliamo di utilizzare il driver dcp150ccupswrapper- 1.0.1-1.i386.deb. Per installarlo, basta eseguire il comando dpkg -i --force -all mfc240ccupswrapper- 1.0.0-9.i386.deb. In realtà, abbiamo provato ad installare i driver con GDebi, ma a causa di una dipendenza non soddisfatta (in pratica mancava il pacchetto dcp150clpr-1.0.1-1.i386.deb scaricabile sempre dallo stesso sito), abbiamo dovuto forzare l’installazione dalla riga di comando. A questo punto è stato sufficiente configurare la stampante da K/Impostazioni di sistema/Stampanti, come mostrato nel tutorial “Installare la stampante”. Per quanto riguarda lo scanner, bisogna per prima cosa installare il driver brscan2-0.2.4-0.i386.deb. Possiamo farlo dalla riga di comando con dpkg -i brscan2-0.2.4-0.i386.deb, oppure con GDebi. In quest’ultimo caso, basta cliccare sul file con il tasto destro e scegliere Apri con/GDebi Package Installer; ricordate comunque che sul sistema devono essere sempre presenti Sane e Xsane (o Kooka) e il pacchetto GDebi per l’installazione dei driver. Ma questo non è ancora sufficiente. Sul sito, all’indirizzo http://solutions.brother. com/linux/sol/printer/linux/sane_install. html sono riportate informazioni dettagliate sull’installazione. A questo punto, apriamo la shell (K/Sistema/Konsole), diventiamo root (sudo -s), apriamo il file /etc/fstab: kwrite /etc/fstab, e controlliamo che sia presente una di queste due righe: none /proc/bus/usb o in alternativa usbfs /proc/bus/usb. Se nessuna delle due è presente, bisogna eseguire i comandi seguenti a seconda del kernel utilizzato, rispettivamente il 2.4 e il 2.6 (per scoprire di quale si tratta uname -a):
echo ‘none /proc/bus/usb
usbdevfs auto,devmode=0666
0 0’ >> /etc/fstab
echo ‘none /proc/bus/usb usbfs
auto,devmode=0666 0 0’ >>
/etc/fstab

Se, invece, le due righe precedenti sono presenti, basta modificarle nel modo seguente, sempre per il kernel 2.4 e 2.6  rispettivamente:

none /proc/bus/usb usbdevfs
auto,devmode=0666 0 0
none /proc/bus/usb usbfs
auto,devmode=0666 0 0
Arrivati a questo punto, eseguiamo in sequenza questi tre comandi:
Pagina 1/2
Lascia un commento
Tag: Brother DCP-150C, Stampante, scanner
Condividi