TAGS CLOUD
Incrementa dimensioniDecrementa dimensioni
Andreas Jaeger di Novell
A tu per tu con il “Program Manager openSUSE” per parlare della nuova versione della distribuzione del camaleonte e di cosa dobbiamo aspettarci per il futuro
(pagina 1 di 3)
ANDREAS JAEGER
In occasione del rilascio di openSUSE 11.2, abbiamo raccolto per voi la testimonianza di chi è in prima fila nello sviluppo di questa distribuzione e, soprattutto, rappresenta uno dei personaggi di spicco nell’ambito del progetto openSUSE di Novell. Il suo nome è Andreas Jaeger e ricopre il ruolo di “Program Manager openSUSE”. Ecco cosa ci ha detto a proposito delle novità della nuova versione e dei programmi futuri.

Linux Magazine - Ciao Andreas, grazie per la disponibilità. Non è la prima volta che ti “concedi” a Linux Magazine, ma vale comunque la stessa regola: presentati ai nostri lettori e parlaci del tuo ruolo all’interno del progetto openSUSE di Novell.

Andreas Jaeger - Salve a tutti. In effetti, è la seconda volta che ho il piacere di discutere con voi e i lettori di Linux Magazine. Innanzitutto, vi ringrazio per l’opportunità concessami. All’interno di Novell il mio compito principale è praticamente fare in modo che il progetto openSUSE funzioni e che riscuota successo. Svolgo il ruolo di “Program Manager openSUSE” e lavoro a stretto contatto con Zonker, Michael Löffler e la comunità. Mi occupo perlopiù di attività amministrative, ma quando posso mi piace aiutare in prima persona gli sviluppatori. Nell’ultimo periodo stiamo lavorando alacremente al progetto openSUSE Build Service, uno strumento in grado di favorire la collaborazione durante la distribuzione di pacchetti binari.

LM - Andiamo subito al dunque. Quali sono le novità più importanti di openSUSE 11.2?
Pagina 1/3
Lascia un commento
Tag: opensuse, novell, linux, gnu, distribuzioni, andreas jaeger
Condividi