TAGS CLOUD
Incrementa dimensioniDecrementa dimensioni
A carichi differenti risposte diverse
Il kernel Linux è sempre più ricco di opzioni che sono però spesso sottovalutate o nella maggior parte dei casi ignorate, visto che quasi sempre si finisce con l'usare l'immagine messa a disposizione dalla propria distro. Le immagini standard sono per loro natura generiche, anche perché le prestazioni dell'hardware sempre crescenti non richiedono, nella maggior parte dei casi, di ricorrere ad ottimizzazioni. Ma il vero esperto Linux dovrebbe sempre compilarsi da se il kernel e attivare tutte le opzioni che possono consentire al sistema di aumentare le prestazioni e di sfruttare al massimo l'hardware. Ad esempio, una importante opzione, che influisce parecchio sulle prestazioni velocistiche, è quella relativa alla “Preemption”, che letteralmente significa “anticipo”, ma che in realtà rappresenta la capacità del kernel di interrompere alcuni suoi rami per poter eseguire task che richiedono una priorità più alta. In pratica, si sacrificano alcune parti del codice in favore di altre che richiedono una maggior prontezza (come ad esempio il sotto- sistema video). Questa opzione si trova sotto il menù - del modulo di configurazione del kernel - “Processor type and features” nella sezione “Preemption Model”. Il valore può essere impostato su “No Forced Preemption” che è ideale per un server e offre il miglior compromesso in termini di risposta ai servizi, bilanciando al massimo l'uso delle risorse oppure, per chi cerca massima velocità di risposta, sugli altri due livelli, “Voluntary Kernel Preemption” e “Preemptible Kernel”. Il primo rappresenta un compromesso tra prestazioni e bilanciamento mentre il secondo è indicato per i sistemi che vogliono latenze (ovvero ritardi di risposta) contenute al massimo. Infatti proprio quando si attiva questa opzione si rende anche disponibile un'ulteriore caratteristica chiamata “Preempt The Big Kernel Lock” con cui rendere il kernel ulteriormente più pronto a servire i processi ad alta priorità. Non rimane che provare a compilare il kernel ed eseguirlo, per verificare con i propri occhi l'incremento di prestazioni.


Lascia un commento
Tag: kernel Linux, prestazioni, Preemption
Condividi